Il silenzio e la Gamba di Pernice

Cammino fra le vigne, con un raggio di sole che mi trafigge la pupilla. Sono stanco del rumore, delle chiacchiere, del suono incessante della fisarmonica e con il mio bicchiere di gamba di pernice mi addentro nella campagna, fra i tralci che iniziano ad essere ormai rossastri; la terra morbida cede sotto le mie scarpe, si sgretola, diventa un tutt’uno … Continua a leggere

Dottoressa.. il suo cane mi ha morso uno stinco!

Giovedì 3 ottobre 2002 – ore 10.35 – mi scusi se sono arrivato tardi anche stamattina – non si preoccupi, almeno si è svegliato ed è venuto, facciamo passi avanti – già….. meglio di niente. – che cos’ha, la vedo strano stamattina, va tutto bene? – dottoressa, guardi.. niente di che, sono un pò pensieroso, il giorno del mio compleanno, … Continua a leggere

Perchè scrivo?

Io scrivo.. Scrivo perchè è come sputare via il veleno.. Perchè ho bisogno di rileggere i miei pensieri, per dargli una forma e una consistenza.. perchè soffro, e probabilmente non smetterò mai di farlo, perchè la sofferenza è parte integrante di me; perchè l’uomo  è un animale sociale e io non lo sono; perchè sono speciale, ma questo non mi … Continua a leggere

Toc Toc…

Bussa.. alla mia porta, e io, come al solito, non apro. Non apro perchè sono stanco, perchè la mia testa è pesante, perchè il divano ha ormai la forma della mia schiena. Non apro.. Perchè poi è tardi cazzo… e io l’aspettavo prima. Adesso ho da fare; ho da pensare; ho il latte sul fuoco, la lavatrice piena e i … Continua a leggere